Devi Temere lo Showrooming e il Webrooming?

Da quando i consumatori hanno iniziato ad utilizzare più spesso i carrelli degli shop online piuttosto che caricare quelli fisici, molti hanno sostenuto che questa sarebbe stata la fine delle vie principali e dello shopping “tradizionale”.

Inoltre, c’era anche la preoccupazione dello “Showrooming“: molti rivenditori temevano questa nuova tendenza dello shopping, dove gli acquirenti vanno a vedere i prodotti in negozio ma concludono l’acquisto online (magari neppure sull’e-commerce del brand, che non è detto ce l’abbia!).

Ben presto allo Showrooming si è unito il “Webrooming“, che praticamente rappresenta il processo d’acquisto dall’opposto punto di partenza: dalla valutazione online si passa all’acquisto tramite negozio fisico.

Una ricerca di Accenture ha dimostrato che il 73% degli acquirenti USA ha fatto showrooming, mentre circa l’88% utilizzava il webrooming come strategia d’acquisto.

Chris Donnelly, Head of Global Retail Practice di Accenture, ha dichiarato lo scorso anno:

“The first thing I’d note is that retailers have been showrooms for centuries… If you can’t close the deal when someone is in your store looking to buy, then shame on you. But that aside, what we’re actually finding is that the trend is increasingly the inverse. We call this ‘webrooming’, where a product is researched at home, then consumers go into the store to buy… Yes, online is the side of retail growing the most in the next five years, and we expect 10 to 20 per cent of sales to be online. But that means 80 to 90 per cent are still occurring in-store”.

 

Ciò dimostra che la vendita in-store non è morta, anzi! Bisogna però sfruttare le potenzialità delle nuove tecnologie per rimanere al passo con i tempi.

 

COSA POSSONO FARE I RETAILERS?

Invece di combattere senza possibilità di successo i fenomeni dello showrooming e del webrooming, i retailer dovrebbero dare ai clienti ciò che realmente vogliono: un’esperienza d’acquisto coinvolgente e “memorabile”.

 

ESSERE “OMNICHANNEL”

Gli acquirenti vogliono passare tra canali online e offline senza soluzione di continuità. Se l’intera esperienza di pre-acquisto e acquisto non è coerente, i clienti potranno facilmente andarsene, molto probabilmente sul sito web di un concorrente.
 

INCORAGGIARE L’UTILIZZO DEGLI SMARTPHONE NEI NEGOZI FISICI

 
Invece di combattere il potere degli smartphone, occorre usare la tecnologia a proprio vantaggio. Avere il wi-fi libero e creare delle applicazioni che utilizzino la geolocalizzazione per dare benefici aggiuntivi ai clienti che le utilizzino nei negozi potrebbero essere due idee…
 

CREARE UN NEGOZIO MULTI-FUNZIONALE

Per combattere in un mondo fatto anche di showrooming, il negozio fisico non deve essere semplicemente uno spazio per concludere una “fredda” transazione ma deve dare l’opportunità di innamorarsi del marchio grazie a un’esperienza d’acquisto “potenziata”. Leggi questo articolo per alcuni esempi e vedi la nostra proposta.

0

Lascia il tuo Commento

Your email address will not be published.